Archive for Giugno, 2011

Somiglianze

giovedì, Giugno 30th, 2011

Aeroporto internazionale di Mosca. Mentre quasi tutti gli altri aeroporti hanno vietato il fumo, qui si può fumare quasi ovunque e alle 8:00 di mattina si vede già gente con mezzo litro di birra in mano….
Sembra di essere a Lozzo 🙂

Pausa

martedì, Giugno 28th, 2011

Causa calo di ispirazione e imminente viaggio, entro in pausa per un po’…
Ci si vede in Italia!

Una faccia una razza?!?

martedì, Giugno 14th, 2011

Dopo avervi raccontato della follia che popola le strade cinesi, mi sembra opportuno ribadire che noi italiani alla guida siamo altrettanto folli e maleducati.
Allo scopo, segnalo qui un breve cartone animato di Bruno Bozzetto, pensato per segnalare le differenze tra italiani ed europei, anche se forse molti di voi l’avranno già visto.

Il video contiene, per l’appunto, anche alcune scene nel traffico e ve lo segnalo in un link su un sito cinese (lo youtube locale) perché, oltre ad essere sempre divertente, compare con un titolo che aggiunge colore….
Nella lontana Europa c’è una Cina e si chiama Italia…sono troppo simili!

Buon divertimento e a presto.

Welcome To The Jungle – Quiz

mercoledì, Giugno 1st, 2011

Tra le varie follie che incontro, ecco qui una lista delle cose di cui farei volentieri a meno lungo le strade. Il titolo del post e ogni categoria sono presi da una canzone diversa e qui scatta il quiz, vince chi scrive nei commenti tutti i cantanti per primo e senza cercare in rete 🙂

Englishman in New York (in Beijing)
Non ho ancora capito se sia la voglia di ostentare una certa eleganza british (senza l’eleganza però) o il tentativo di replicare nella propria città sensazioni di viaggi in terre lontane…. Soprattutto non capisco come gli appartenenti a questa categoria possano essere ancora vivi.
Fatto sta che per loro, prima di attraversare la strada, si guarda soltanto a destra!

Kiss the rain
In una città come Pechino, che soffre una cronica mancanza d’acqua, si sa che la pioggia arriva benedetta, pulisce l’aria e le strade ed elimina un po’ della polvere con cui tutti conviviamo. In mancanza di pioggia (in realtà gliel’ho visto fare anche durante un temporale), l’amministrazione provvede a lavare frequentemente le strade ed è una gran cosa. Mi chiedo però, perché quando passo che stanno pulendo la strada, metà dell’acqua me la spruzzano in faccia???

Se telefonando
Le persone che usano il cellulare alla guida sono un bel pericolo anche in Italia. L’aggiunta qui è che molti usano il cellulare per telefonare e mandare messaggi anche mentre guidano la bici o il motorino in mezzo al caos…e non vi dico che sicurezza guidare distratti, con gli occhi sullo schermo e con una mano sola.

Rosso relativo
Il rosso non esiste. Non importa cosa dica il semaforo, nemmeno se le auto della strada incrociante stanno passando perché per loro è verde, si passa sempre e comunque… Non vale nemmeno la pena di considerarli una categoria, questa è la norma e io mi sono adeguato in toto…

Ga el suv
Il dannato suv ha fatto, purtroppo, la sua comparsa anche qui. Capisco benissimo la comodità di rimanere bloccati nel traffico in un auto grande come il mio appartamento. Capisco meno la voglia di girare in un traffico caotico, con distanze tra i mezzi (e le persone) praticamente nulle, al volante di un auto gigantesca. Non capisco affatto il desiderio di parcheggiare in giro una macchina così, vista la carenza di spazi e la scarsa abilità alla guida (buona parte dei cinesi guida da pochissimo, effetto collaterale dello sviluppo economico ultra-rapido, e non è difficile procurarsi una patente senza affrontare nessun esame…pagando). Immagino che la forza dello status symbol superi di gran lunga ogni considerazione logica.
Nel traffico sono comunque tra i più fastidiosi. Aggressivi, nervosi e sempre attaccati al clacson…donne comprese.

Odio
Non trovo un’altra spiegazione oltre all’odio. Eppure sono quasi sicuro che non gli abbia fatto nulla, anzi… Lo vedo e mi pare così bello, impaziente di accogliere tutti, rispettoso anche dei più sfortunati. E invece niente, i cinesi non vogliono averci a che fare e lo evitano come la peste.
Ebbene sì, i cinesi odiano il marciapiede. Ampio, curato, abbellito da siepi o alberelli, attrezzato per disabili e non vedenti…e mestamente deserto (o tuttalpiù usato come parcheggio). Tutti a camminare al suo fianco, in mezzo alla strada o alla ciclabile e soprattutto in mezzo alle balle!

Venite a farvi un giro anche voi?